Maria Tembe (MZ): Solo for Maria

22.05.19   Ginevra, Out of the Box – Biennale des Arts inclusifs Biglietti
29.05.19 Basilea, Wildwuchs Festival Biglietti
01.06.19 Lugano, ORME Festival Biglietti
06.06.19 Berna, «BewegGrund.Das Festival» Biglietti

Solo for Maria racconta la storia di un gruppo di donne che in Mozambico vive il conflitto tra felicità individuale, vincoli sociali e violenza quotidiana. Traendo ispirazione dalla propria biografia, la performer Maria Tembe presenta un repertorio di movimenti che si sottrae alle consuetudini visive. In una sublime interazione con il pubblico, l’artista si espone all’attenzione con un intenso gioco di sguardi. Guidata dalla coreografia di Panaibra Gabriel Canda, la Tembe affronta i diritti delle donne e le loro esperienze di violenza, in una danza contro le regole opprimenti e le etichette sociali, creando un’atmosfera spietatamente unica, permeata di profonda intimità e condivisione.

Durata: 35 minuti
In portoghese
La pièce sarà presentata assieme a Une bouche di Lila Derridj.
Per informazioni sull’accessibilità senza barriere alle varie rappresentazioni, consultare i siti web dei festival.

Video "Solo for Maria" © Tanzforum Berlin

Maria Tembe nasce a Maputo in Mozambico dove assolve una formazione in danza contemporanea nel quadro del progetto «(In)Dependence von CulturArte», un’iniziativa che mira allo sviluppo delle arti contemporanee dello spettacolo a Maputo. Durante gli studi lavora con i coreografi Panaibra Gabriel Canda, Martial Chazalon, Martin Champaut, Boyzie Cekwana e Carlos Pez. In seguito, si esibisce in diverse produzioni, quali (in)dependence (2007) e Borderlines (2010) di Panaibra Gabriel Canda e Inkomati (des)accord (2009) di Canda e Cekwana. Con queste produzioni, l’artista è invitata a Maputo, La Re?union, allo HAU di Berlino e al Global DanceFest nel Nuovo Messico. Maria Tembe è stata in Svizzera nel 2015, ospite di IntegrART, dove ha presentato Borderlines.

Concept: Panaibra Gabriel Canda Collaborazione artistica, performance: Maria Tembe Luci: Caldino Jose Assistenza artistica: Vasco Mirine Musiche: «Strange Fruit» di Billie Holiday, «Rape Me» di Kurt Cobain, «Ave Maria» di Bobby Macferrin Produzione: Panaibra Gabriel Canda/CulturArte